Categoria: Capire la Poesia

INTRODUZIONE
I – In molte lingue si fa opportunamente distinzione tra poesia intesa come arte poetica (latino: poesis, ars poetica; francese: poésie; inglese: poietry; ecc… ) e poesia intesa come singolo testo poetico (latino: carmen, poema; francese: poème; inglese: poem; ecc…).
Poichè in italiano il termine poesia ha entrambi i significati, è bene tenerli distinti per evitare confusioni e fraintendimenti.

II – Le poesie riportate nel testo a titolo esemplare evidenziano il più delle volte il fenomeno di cui trattasi in modo <>, al fine di renderlo più evidente e meglio percepibile. Si intende che nelle comuni poesie il fenomeno può risultare assai meno vistoso.

III – Non ho la pretesa di dare una definizione esaustiva della poesia, compito ben al di sopra delle possibilità di chiunque e per di più di nessuna utilità pratica, ma di cogliere alcuni aspetti significativi della fenomenologia poetica, attraverso un approccio concreto e diretto ai testi poetici.

IV – Per comprendere come <> la poesia ho ritenuto opportuno <> i grandi poeti. I piccoli, e in particolare i poeti dilettanti, possono essere fuorvianti.

V – Ho preso in considerazione un arco spazio-temporale il più possibile esteso, per cogliere “verità” che valgano per la poesia di ogni tempo e luogo, evitando di restringere l’attenzione a fenomeni e mode del nostro tempo o peggio degli ultimi decenni.

VI – Queste mie riflessioni vogliono essere comprensibili da tutti. Pertanto dipanano la materia in <> con un linguaggio di facile comprensione e rifuggono da terminologie specialistiche.

VII – “La grande lirica resterà sempre una delle vette dell’anima umana” (Montale). E la mia ambizione è di farla conoscere e amare da tanta gente, attraverso questi miei scritti, che si giustificano soprattutto per la semplicità e la chiarezza espositiva, e per essere in fondo una buona scusa per leggere insieme delle belle poesie.

VIII – I diversi scritti compongono in sostanza di una antologia ragionata, in cui vanno a braccetto il piacere estetico-sentimentale che ci viene dalla poesia e quello intellettuale di una sua migliore comprensione.